Archive Maggio 2019

COMUNICATO SU FONDAEREO

A seguito del mancato rinnovo del CdA del Fondaereo, la Confael-Assovolo esprime sconcerto per i fatti accaduti all’assemblea ordinaria dei delegati Fondaereo in data 30 aprile 2019.

Il fattaccio

Finalmente dopo oltre un’ora di ritardo si aprivano i lavori. Una volta ascoltate le comunicazioni del presidente e approvato il bilancio 2018, giunti alla discussione del punto relativo al rinnovo del CdA (come da Statuto del Fondo, rinnovo formalizzato con “nomina” per la parte datoriale e con “votazione” per quella dei lavoratori), la compagine datoriale interrompeva l’assemblea dichiarando di non essere in grado di presentare la propria lista di consiglieri nominati, precludendo in tal modo la discussione e la relativa delibera sul punto.

Subito dopo, nella completa indifferenza della Presidenza (UIL), si consentiva l’abbandono dell’assemblea da parte dei Delegati di parte datoriale: veniva così a mancare il quorum deliberativo per il punto in questione.

Inoltre, l’assenza dei suddetti delegati non permetteva neanche di procedere alla discussione di importanti quesiti avanzati dai colleghi della LIFT, tra i quali il ventilato progetto di fusione del nostro Fondo con quello dei dipendenti del settore terrà e controllori di volo, Prevaer.

Di fatto tutto ciò ha impedito di procedere al rinnovo del CdA, forzando le procedure al solo scopo di “prendere tempo”.

La nostra O.S. si riserva il diritto di segnalare quanto accaduto all’organo di vigilanza COVIP.

Rimane il dubbio (o la certezza?) che la componente confederale dell’assemblea, in evidente minoranza, fosse silente partecipe di tale azione ostativa e lesiva dell’interesse degli aderenti.
L’impressione complessiva è che le legittime posizioni – condivise da una parte dei rappresentanti delegati dei lavoratori Assovolo, LIFT ed Anpac – ovvero l’attuale maggioranza contraria alla fusione, siano risultate indigeste a più di qualcuno.

È necessario sgombrare rapidamente il campo dai tanti dubbi sollevati da questa ed altre vicende precedenti. Solo una volta acquisite tutte le risposte inequivocabili e necessarie si potranno valutare e discutere tutte le possibili scelte rispetto ad un processo che rimane oscuro e privo di una reale giustificazione: sviluppo che potrà essere serenamente discusso o archiviato senza remore né pregiudizi.

Pertanto la nostra O.S. attende ora di conoscere la data della prossima – e obbligatoria – convocazione di assemblea, dove tornerà con forza a richiedere il rispetto delle regole e della volontà degli aderenti/elettori, al fine di eleggere il nuovo CdA, come previsto dallo Statuto.
Vi terremo, come sempre, prontamente aggiornati.

13 Maggio 2019                                                                                                                                                                                                                                                                                                        ASSOVOLO

www.assovolo.it

AFFILIAZIONE ASSOCRAL

ASSOVOLO TRASPORTO AEREO è affiliata a ASSOCRAL al fine di offrire ai propri iscritti le agevolazioni e gli sconti previsti dalla convenzione.

Per accedere al mondo delle agevolazioni e sconti Vi invitiamo a stampare la tessera associativa su questo LINK.

Successivamente dovrete registrarVi nell’area riservata per le nuove opportunità di sconti e CashBack.

Vai alle convenzioni 

Scarica la Brochure ASSOCRAL

 

LINATE, IL PREZZO DELLA CHIUSURA

La scrivente organizzazione Confael Assovolo – federata con Fast Confsal – desidera esprimere la propria preoccupazione circa la delicata questione della chiusura dell’aeroporto di Linate per i lavori di ristrutturazione e manutenzione delle piste nel periodo estivo, dal 27 luglio al 27 ottobre.

Sebbene tali lavori fossero ampiamente previsti e preannunciati da mesi da parte della S.E.A., ad oggi l’azienda ancora non ha ancora comunicato nulla ai naviganti coinvolti: non è dato sapere in che modo i lavoratori verranno distribuiti sugli aeroporti alternativi di Milano Malpensa e Bergamo Orio al Serio, né in che modo si intende provvedere al servizio di trasporto da e per i suddetti aeroporti, né si hanno notizie su come l’azienda intenda impiegare i naviganti che rientrino nelle casistiche particolari, genitori affidatari e legge 104 tanto per fare un esempio.

La base Linate gestisce la stragrande maggioranza dei voli Alitalia dell’area lombarda, e genera un importante percentuale dei ricavi aziendali: tanta approssimazione nella programmazione dell’impiego del personale navigante a poco più di due mesi dalla chiusura non lascia presagire nulla di buono.

La Confael Assovolo sollecita un chiarimento urgente sulle molteplici questioni aperte da questo trasferimento ormai alle porte, e non sarà disposta a tollerare che la disorganizzazione aziendale venga scaricata ancora una volta sulle spalle dei naviganti! Noi ci impegniamo a tutelare con ogni mezzo tutti i colleghi della Base Milano, che hanno il diritto di conoscere il loro futuro prossimo e di potersi organizzare di conseguenza quest’estate: le persone non sono pacchi postali da spedire da un posto all’altro senza preavviso!

La grave crisi in cui versa Alitalia, di cui ancora non si vede la soluzione malgrado i ripetuti annunci governativi, non ci permette di perdere nemmeno un solo passeggero a favore della concorrenza: se disservizi ci saranno nessuno si permetta di addossarne la responsabilità ai lavoratori!

11 maggio 2019                                                                                                                                                                                                                                                                                                        ASSOVOLO

www.assovolo.it